ROMA: al via il coordinamento DEMOS


Articolo scritto il

28 Gennaio 2019


Categoria dell'articolo:


Questo articolo contiene i seguenti tag:

ROMA: DEMOS, 'PER RILANCIO COESIONE SOCIALE E GRANDE PIANO SVILUPPO'

"La Capitale è oggi una città politicamente abbandonata e socialmente sofferente, in continuo affanno nella gestione dell'ordinario, senza progettualità sul futuro. Oltre a rispondere alle criticità immediate, occorre rilanciare la città partendo dal ritrovare la coesione sociale, da un grande piano di sviluppo e da un nuovo welfare''.


Lo ha detto Paolo Ciani, all'inaugurazione del coordinamento romano di Democrazia solidale - Demos, la formazione politica promossa dal consigliere regionale del Lazio con l'ex vice ministro agli Esteri Mario Giro.
Demos ha presentato una serie di proposte per il rilancio di Roma"Dopo il no di M5s alle Olimpiadi, è urgente predisporre un Masterplan per Roma, dove siano individuate linee strategiche, azioni e strumenti per restituire alla città efficienza, bellezza e sviluppo. Questo consentirà -secondo il coordinamento romano- di essere preparati per il prossimo grande evento al quale non sarà possibile dire di no: il Giubileo del 2025. Il piano di sviluppo consentirà alle aziende di non
scappare dalla Capitale (come già avvenuto con Sky, Mediaset e molte altre) ma a creare lavoro per i giovani".

Altro elemento su cui DEMOS Roma ha proposto di puntare sono le politiche sociali. Secondo i coordinatori romani, queste devono recuperare la loro centralità a Roma e per questo Democrazia Solidale lancia un ''cantiere aperto del sociale''. Per DEMOS, è "inaccettabile siano morte a Roma 12 persone senza fissa dimora in due mesi, occorre subito un piano d'intervento per l'accoglienza notturna che sia almeno triennale. Puntare poi a far ripartire un piano dell'abitare, un problema strutturale a cui non si può rispondere con soluzioni emergenziali. Ci sono a Roma 12.500 famiglie in graduatoria che attendono una casa popolare, oltre a 1.200 nuclei ospitati nei residence con un costo annuo di 30 milioni. Infine, mettere al centro nuove politiche per gli anziani: oltre il 22% della popolazione di Roma ha più di 65 anni".

Guarda il video di prensentazione su http://www.retesole.it/2019/01/28/politica-democrazia-solidale-ecco-il-nuovo-coordinamento-romano