Roma: nel quartiere Primavalle cacciati i senza casa. Il Comune dà l’ex scuola ai privati

  • Home
  • NEWS
  • DAI TERRITORI
  • Roma: nel quartiere Primavalle cacciati i senza casa. Il Comune dà l’ex scuola ai privati

Articolo scritto il

2 Dicembre 2019


Categoria dell’articolo:


Questo articolo contiene i seguenti tag:

Su FanPage

Dopo lo sgombero dello scorso 15 luglio l’ex scuola di via Cardinal Capranica sarà “rigenerata” grazie all’intervento dei privati, che potranno trasformare l’edificio anche in appartamenti in housing sociale. A deciderlo il comune di Roma proprietario dell’immobile dove vivevano centinaia di persone in emergenza abitativa.

Servizi alle persone, artigianato di servizio, centri di formazione e housing sociale. Sono queste le opzioni individuate dal Comune di Roma per la nuova “vita” dell’ex scuola di via Cardinal Capranica a Primavalle, sgomberata il 15 luglio. È scritto nero su bianco su una delibera approdata in Campidoglio il 25 settembre che inserisce questo immobile nel progetto ‘ReinvenTIAMO Roma’, un piano per la rigenerazione della Capitale che porterà nei prossimi anni alla riqualificazione di una serie di edifici di proprietà pubblica, grazie alla sinergia con soggetti privati. Per avere il via libera definitivo manca l’approvazione del Municipio XIV e la discussione è prevista domani. Una volta ottenuto il semaforo verde il progetto potrà approdare in Assemblea Capitolina per ottenere l’approvazione definitiva, per poter procedere così con un bando pubblico.

L’ipotesi dell’housing sociale al posto dei senza casa

“A Cardinal Capranica la formula evocata dai 5stelle è “Housing sociale”: regalare l’area a privati in cambio di improbabili “servizi” resi alla città. La città non ne ha bisogno e credo che questo messaggio vada subito rilanciato in modo chiaro (e rumoroso, se serve): Il patrimonio della città va usato per risolvere i suoi problemi e non per placare l’appetito dei palazzinari!” denuncia in un lungo post su Facebook il segretario Unione Inquilini Roma Fabrizio Ragucci, evidenziando come la delibera non si trovi ancora online sui siti del Comune. Lo stabile era stato sgomberato all’alba dello scorso 15 luglio dopo un lungo assedio, senza che agli abitanti fosse offerta nessuna alternativa a lungo termine. I blindati giunti sul posto già dalla sera prima, le ore e ore di trattative e infine le barricate date alle fiamme come ultimo estremo tentativo di difendere un immobile che era diventato una casa da oltre 10 anni per tante famiglie in emergenza abitativa.


Il futuro dell’ex scuola sgomberata a Primavalle

A prescindere dalla sua destinazione d’uso, con questo progetto l’area finirebbe in mano a privati che, con la supervisione del Campidoglio, avrebbero il via libera per interventi di rigenerazione urbana. Ancora è presto per dire cosa diventerà l’ex Cardinal Capranica o cosa potrebbe diventare. “Abbiamo scoperto per caso l’esistenza di questo documento in consiglio municipale – racconta Barbara Funari coordinatrice di DEMOS a Roma – e non possiamo quindi fare altro che evidenziare la pochissima trasparenza e l’assenza di una proposta chiara su questo immobile”. “Quello che ci preme sottolineare è che dopo uno sgombero allucinante senza nessun sostegno alla famiglie sgomberate, oggi arriva una procedura non partecipata che decide di svincolare dal pubblico l’intera area. Siamo stati presenti allo sgombero accanto a famiglie che da anni vivevano lì: quello è un luogo pubblico ed è bene che l’utilizzo risponda al bene comune, in favore di chi vive l’emergenza abitativa e sociale” conclude la Funari.

Barbara Funari – coordinatrice DEMOS Roma – www.facebook.com/barbara.funari.

Fonte: https://roma.fanpage.it/primavalle-cacciati-i-senza-casa-il-comune-da-lex-scuola-ai-privati/

Restiamo in contatto ?

Iscriviti alla newsletter di DEMOS, ti assicuriamo che non riceverai spam, perchè non piace nemmeno a noi!

X

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca su Informativa sulla tutela dei dati personali. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Informativa sulla tutela dei dati personali.