Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Quale partito votare alle regionali Sardegna 2024

Perchè votare DEMOS – Democrazia Solidale per Alessandra TODDE Presidente

DEMOS si rivolge a quanti vogliono ritrovarsi in una politica dagli ideali alti e le idee concrete, alternativa al populismo ed alla xenofobia, per contrastare la deriva individualista ed egoista che sta sgretolando la società.

Dobbiamo superare le barriere – invisibili ma reali – che separano le persone e acuiscono le disuguaglianze. Siamo quindi il Partito delle cause che gli altri danno per perse, che per noi sono invece le prime da combattere: per le periferie umane, sociali, territoriali e urbane, contro la povertà in tutte le sue forme, per gli esclusi: migranti, anziani, disabili, disoccupati, giovani e donne.

Per noi la politica è uguaglianza, diritti umani, fraternità, mutua solidarietà, pace e perseguimento del bene comune.

Lo Sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 e l’ecologia integrale delle Encicliche Laudato Sì e Fratelli Tutti sono il faro della nostra azione politica. Siamo antifascisti e contrastiamo tutte le forme di totalitarismo, autocrazia, populismo e nazionalismo a prescindere dalla maschera ideologica che indossano.

Crediamo in una politica fondata su robusti valori etici, sulla salvaguardia del creato, attenta al locale ma aperta al mondo, volta alla costruzione di una società aperta, accogliente e giusta.

In altre parole, i Sardi meritano una Sardegna migliore!

VOGLIAMO UNA SARDEGNA

SOLIDALE E ACCOGLIENTE
  • riportiamo al centro dell’azione politica la socialità e l’assistenza, mobilitando e coinvolgendo il mondo associativo
  • abbattiamo tutti gli ostacoli e le barriere sociali e costruiamo una società aperta, multiculturale, solidale e accogliente
  • tuteliamo le zone interne e le periferie potenziando i servizi e ripopolandole
  • difendiamo i diritti e rendiamoli esigibili per contrastare il clientelismo che distrugge il bene comune
VIVIBILE E SOSTENIBILE
  • facciamo scelte coraggiose e condivise sulla transizione energetica e per le fonti innovabili
  • risaniamo il patrimonio abitativo attuale e diciamo “NO” alla nuova cubatura
  • gestiamo meglio l’acqua, bene primario, con efficienza e senza sprechi e costituiamo una Multiutility regionale a controllo pubblico per acqua, energia e rifiuti,
  • acceleriamo sulla transizione digitale e governiamo lo sviluppo dell’intelligenza artificiale
  • potenziamo il trasporto pubblico e ferroviario interno e realizzioamo una vera e efficiente continuità territoriale
COLTA E CONSAPEVOLE
  • investiamo molto di più nell’istruzione, a partire dalla prima infanzia, e nella formazione a tutti i livelli
  • rendiamo sostenibile l’istruzione per le famiglie, dalla materna all’università,  con più servizi (trasporti, alloggi, sanità, ….),con la gratuità dei testi per i meno abbienti e l’estensione delle borse di studio
  • promuoviamo capillarmente la cultura civica, democratica, ambientale, dei diritti, della cittadinanza globale, della storia e cultura sarda e della storia e cultura globale
SANA E LONGEVA
  • riaffermiamo il primato della sanità pubblica e sviluppiamo quella territoriale e di prossimità
  • spendiamo meglio per la sanità e destiniamo le risorse ai pazienti, al personale sanitario ed alla prevenzione
  • superiamo il sistema delle RSA e sviluppiamo l’assistenza domiciliare degli anziani
  • facciamo sinergia tra scuola e sport anche per prevenire e curare le devianze giovanili
PROSPERA E MODERNA
  • individuiamo i fabbisogni professionale del futuro e sottoscriviamo un Patto per il lavoro dignitoso contro lo sfruttamento, la sottoretribuzione e il lavoro nero
  • valorizziamo e potenziamo il sistema pubblico regionale per l’incontro domanda-offerta
  • predisponiamo un piano per la transizione del Turismo alla sostenibilità e per nuove forme di turismo (sportivo, del mare, religioso, culturale)
  • sosteniamo più e meglio l’impresa sarda e la nostra economia
DEMOCRATICA, PARTECIPATA E AUTONOMA
  • opponiamo con determinazione all’autonomia differenziata
  • rinnoviamo l’Autonomia sarda in chiave mediterranea ed europea, con un nuovo e popolare Patto per la Sardegna
  • sviluppiamo i rapporti con i Paesi della “sponda sud mediterranea” e/o fonti di flussi migratori
  • sviluppare politiche di evoluzione sociale per favorire inclusione e multiculturalismo
  • istituzionalizziamo forme di partecipazione e consultazione popolare
  • avviamo un processo di graduale alleggerimento dalle servitù militari
  • sburocratizziamo e ammoderniamo l’amministrazione e il governo della Regione

Si ricorda che la Regione è divisa in otto circoscrizioni elettorali a cui sono state assegnate un numero stabilito di seggi: Cagliari (20), Sassari (12), Nuoro (6), OlbiaTempio (6), Oristano (6), CarboiaIglesias (4), Medio Campidano (3), Ogliastra (2).


Ti può interessare anche:

Elezioni regionali Sardegna 2024
Come votare regionali Sardegna 2024
Chi votare regionali Sardegna 2024

Ti sei iscritto a DEMOS ?

La forza del noi